Dow, Nasdaq in forte calo mentre il mercato azionario si adegua alle preoccupazioni sui tassi di interesse

Quando si carica un’azione articolo del patto

Giovedì le azioni sono scese quando la media industriale del Dow Jones è scesa di oltre 1.000 punti poiché gli investitori si sono nuovamente preoccupati per il quadro generale degli indicatori economici, che ha sollevato i timori di una possibile recessione. La tecnologia Nasdaq è stata particolarmente colpita, che è stata ridotta del 5%.

La vendita è stata una brusca inversione di tendenza dopo che i mercati hanno ottenuto grandi guadagni mercoledì a causa della temporanea confusione sull’approccio della Federal Reserve all’aumento dei tassi di interesse.

La Fed ha alzato i tassi di interesse di mezzo punto percentuale dopo mezzogiorno di mercoledì, con alcuni investitori che si aspettano che la banca centrale sarà cauta dopo ciò tra i timori di un rallentamento. Ciò ha portato a un rally enorme ma transitorio nel mercato azionario, quando il Dow Jones ha chiuso a 932 punti o 2,8%.

Questi guadagni sono svaniti giovedì, tuttavia, tra i timori di una ripresa dell’economia dopo tre mesi del 2022.

I titoli tecnologici, che hanno alimentato la maggior parte degli indici, sono scesi. Apple ha perso il 5,6%, Google ha perso il 4,8% e Amazon ha perso il 7,6%. (Il fondatore di Amazon Jeff Bezos è di proprietà del Washington Post).

Gli investitori spinti dal rischio si sono ritirati dalle criptovalute. Bitcoin և Ethereum è sceso ciascuno di oltre l’8%.

“Il sell-off di giovedì mostra che mercoledì … il mercato azionario si stava rilassando”, ha affermato Zack Stein, chief investment officer di Carbon Collective, una società di gestione patrimoniale. “Non siamo ancora fuori dalla foresta, perché c’è ancora molta incertezza su come la Federal Reserve possa frenare l’inflazione senza causare una recessione. “Le preoccupazioni che hanno afflitto il mercato azionario negli ultimi mesi, come l’inflazione, la guerra Russia-Ucraina, l’aumento dei prezzi del petrolio, sono ancora con noi e non sono state risolte”.

Il Dow ha chiuso la giornata in calo del 3,1% a 32.997 punti. L’indice S&P 500 è sceso di 153 punti, o del 3,6%, mentre il Nasdaq, esperto di tecnologia, ha registrato la perdita maggiore, restituendo quasi 650 punti, o il 5%.

I trader alla ricerca di scommesse più sicure hanno aumentato il rendimento dei titoli del tesoro a 10 anni al 3,04%, il livello più alto dal 2018.

Gli esperti affermano che le fluttuazioni selvagge di metà settimana indicano le sfide che l’economia deve affrontare mentre lotta per riprendersi dall’epidemia di coronavirus. Nei primi giorni dell’epidemia, pagamenti di incentivi, tagli dei tassi di interesse hanno inondato l’economia di liquidità, prestiti a sostegno di famiglie e imprese in difficoltà.

Il governo federale sta ora perseguendo una strategia molto diversa, tagliando gli aiuti federali e aumentando i tassi. Spinge l’economia in direzioni diverse, con un’inflazione in aumento e un rallentamento della crescita, ma l’occupazione rimane forte.

Alcune di queste forze hanno contribuito a riportare circa 1,5 milioni di pensionati nel mercato del lavoro statunitense l’anno scorso, secondo il Dipartimento del lavoro, che ha in qualche modo indebolito il mercato del lavoro, ridotto la crescita salariale e ridotto il salario orario medio del settore privato. bordo verso l’alto.

Un aumento del tasso di interesse della Fed mercoledì, la seconda di sette previsioni per il 2022, potrebbe rendere più costosi i prestiti alle imprese e alle famiglie. Ciò dovrebbe ridurre le pressioni inflazionistiche. Tuttavia, i funzionari della Fed stanno cercando di aumentare i tassi di interesse a un tasso che non soffoca completamente la crescita economica, che è difficile da bilanciare. Se l’economia si blocca troppo rapidamente, potrebbe cadere in una recessione, generalmente definita come due trimestri consecutivi di declino.

Queste erano le preoccupazioni degli investitori che facevano trading sul mercato azionario giovedì.

“È difficile ottenere atterraggi morbidi nella politica monetaria”, ha affermato Nancy DeGis, fondatrice di Quadratic Capital Management.

“Per stabilizzare il mercato, abbiamo bisogno di vedere un rapporto di lavoro più debole [on Friday]”Chris Rupkin, capo economista presso la FWD Bonds Market Research Company. “Il mercato ha bisogno di qualcosa, qualcosa in quel rapporto, forse è uno stipendio che spingerà la Fed a smettere di aumentare i tassi di interesse, o almeno a rallentare i tassi di interesse”.

Anche i mercati interni hanno gettato la chiave nei piani. Aprile è stato il mese peggiore per l’S&P 500 da marzo 2020, segnando il peggior inizio di un anno solare dalla seconda guerra mondiale.

Rachel Siegel ha contribuito a questo rapporto.

Leave a Comment

Your email address will not be published.