Corea del Sud. La Corea del Nord ha testato un missile da un sottomarino

SEOUL, Corea del Sud – La Corea del Nord ha testato un missile balistico che potrebbe essere stato lanciato sabato da un sottomarino, ha affermato l’esercito sudcoreano, continuando una serie provocatoria di dimostrazioni di armi che potrebbero concludersi con un test nucleare nelle prossime settimane o mesi.

I capi di stato maggiore congiunti sudcoreani hanno affermato che il rilascio è arrivato dalle acque vicino alla città portuale orientale di Xinpo, dove la Corea del Nord ha un grande cantiere navale che costruisce sottomarini. Dice che il missile a corto raggio ha volato a 600 chilometri (372 miglia) a un’altitudine massima di 60 chilometri (37 miglia), ma non ha fornito immediatamente dettagli sul sottomarino che sarebbe stato coinvolto nel lancio.

Il Pentagono afferma che il rilascio non rappresenta una minaccia immediata per il personale o il territorio degli Stati Uniti o per i suoi alleati e “sottolinea l’impatto destabilizzante del programma di armi illegali della RPDC”. “L’impegno degli Stati Uniti per la difesa del Giappone da parte del Giappone rimane ironico”.

Il ministro della Difesa giapponese Nobu Kish ha detto ai giornalisti che il missile è caduto al di fuori della zona economica esclusiva del Giappone e che non ci sono stati danni ad aerei o navi.

Il direttore della sicurezza nazionale della Corea del Sud, Su Hoon, ha affermato che altri funzionari di alto rango hanno condannato il lancio di un razzo durante una riunione di emergenza e ha invitato la Corea del Nord a tornare a lunghi colloqui per risolvere la questione nucleare, ha affermato la presidenza di Seoul.

È stata probabilmente la prima dimostrazione di un sistema missilistico balistico lanciato da un sottomarino nordcoreano dall’ottobre dello scorso anno, quando ha lanciato un nuovo missile a corto raggio 8.24 da Yongung, l’unico sottomarino conosciuto in grado di lanciare un missile. Il lancio subacqueo di ottobre è stato il primo in due anni al nord.

Mercoledì, l’esercito sudcoreano-giapponese ha scoperto un presunto missile balistico, lanciato dalla capitale Pyongyang. Le due esercitazioni si svolgeranno martedì prima dell’inaugurazione del presidente eletto sudcoreano Yoon Suk-yol, che ha promesso di adottare una linea più dura sulle ambizioni nucleari della Corea del Nord.

Una dichiarazione dell’ufficio di Yoon ha affermato che il suo governo avrebbe perseguito “capacità di deterrenza reali” contro la minaccia dei missili nucleari del Nord, ma non ha specificato come. Yoon ha promesso di rafforzare le difese della Corea del Sud in uno sforzo congiunto con gli Stati Uniti, che secondo lui includerà capacità di difesa missilistica.

La Corea del Nord ha lanciato 15 missili quest’anno. Questi includono il primo test del missile balistico intercontinentale del paese dal 2017 a marzo, che ha mostrato la portata potenziale per raggiungere l’intero continente statunitense.

La Corea del Nord sta chiaramente utilizzando un ambiente favorevole per portare avanti il ​​suo programma di armi, quando il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite è stato diviso e di fatto paralizzato dalla guerra della Russia contro l’Ucraina. Il ritmo insolitamente rapido dell’azione sperimentale sottolinea la soglia di costringere gli Stati Uniti ad accettare l’idea del Nord come potenza nucleare e a revocare severe sanzioni, affermano gli esperti.

Ci sono segnali che la Corea del Nord stia ricostruendo i tunnel nel sito del test nucleare, dove ha condotto il suo sesto e ultimo test nucleare nel settembre 2017 come parte di una possibile preparazione per un altro test esplosivo. Gli analisti affermano che il Nord potrebbe utilizzare un singolo test nucleare per affermare che ora potrebbe costruire piccole testate nucleari per la sua gamma in espansione di armi a corto raggio che minacciano il Giappone, o posizionare un gruppo di bombe sull’ICBM a più teste.

Il vicesegretario di Stato per gli affari europei ed eurasiatici degli Stati Uniti, Jalina Porter, ha dichiarato venerdì in un briefing che gli Stati Uniti considerano la Corea del Nord pronta a condurre un test nucleare nel sito di test del Punjab questo mese.

Il leader nordcoreano Kim Jong Un ha evidenziato i suoi recenti test missilistici con dichiarazioni che avvertono che la Corea del Nord potrebbe utilizzare attivamente le sue armi nucleari se minacciata o provocata. Gli esperti affermano che tale retorica potrebbe rappresentare un’escalation della dottrina nucleare che sarà di maggiore preoccupazione per la Corea del Sud e il Giappone.

Kim ha rilasciato una di queste dichiarazioni durante una parata a Pyongyang il 25 aprile, dove ha dimostrato le armi più significative del suo programma nucleare, compresi gli ICBM, come se fossero nuovi tipi di missili progettati per lanciare sottomarini che potrebbero essere più grandi. modelli precedenti.

“La tecnologia dei sottomarini (della Corea del Nord) probabilmente non può rimanere in mare a lungo, evitando il rilevamento. “Ma la capacità di lanciare missili balistici dai sottomarini complicherà ulteriormente le missioni di difesa e difesa nucleare della Corea del Nord”.

Ha detto che il regime di Kim sembrava stesse pianificando di testare un dispositivo nucleare ridotto in grado di utilizzare i suoi missili tattici o lanciati da sottomarini e testate multiple per equipaggiare i suoi missili balistici intercontinentali.

La Corea del Nord sta lavorando per acquisire la capacità di lanciare missili a punta nucleare dai sottomarini, il che teoricamente aumenterebbe il suo potere deterrente fornendo una risposta dopo aver assorbito un attacco nucleare a terra.

I sottomarini con missili balistici rappresenteranno anche una nuova minaccia navale per la crescente collezione di armi a combustibile solido dai veicoli nordamericani progettati per sopprimere i sistemi di difesa missilistica giapponesi della Corea del Sud.

Negli ultimi anni, il Nord ha sviluppato e testato una famiglia di missili chiamata Pukguksong, progettata per sparare da sottomarini o veicoli terrestri. Tuttavia, gli esperti affermano che un paese soggetto a severe sanzioni richiede molto più tempo, risorse e importanti miglioramenti tecnologici per costruire almeno alcuni sottomarini in grado di viaggiare in sicurezza in mare e colpire in modo affidabile.

L’esercito sudcoreano ha dichiarato mercoledì che il missile nordcoreano, lanciato mercoledì, aveva un’altitudine di circa 500 chilometri (310 miglia) a un’altitudine di 800 km (500 miglia). I media statali nordcoreani non hanno ancora commentato l’esperimento.

——— Lo scrittore dell’Associated Press Yuri Kageyama ha contribuito al rapporto a Tokyo.

Leave a Comment

Your email address will not be published.