Clearview Facial Scanner accetta le restrizioni del tribunale

CHICAGO (AP) – Il riconoscimento facciale appena creato Clearview AI ha accettato di limitare l’uso della sua vasta raccolta di immagini di volti per confutare le affermazioni secondo cui avrebbe raccolto foto di persone senza il loro consenso.

La società lunedì ha concordato in documenti legali di sospendere definitivamente l’accesso al suo database di volti a società o individui statunitensi privati, limitando ciò che può fare con i suoi miliardi di immagini in continua crescita. tratto dai social network in altri luoghi su Internet.

L’accordo, che sarà approvato da un giudice del tribunale distrettuale di Chicago, porrà fine a una causa di due anni intentata dall’American Civil Liberties Union e da altri gruppi per presunte violazioni dell’Illinois Digital Privacy Act. La società deve ancora affrontare un giudice federale dell’Illinois separato in un caso di segretezza separato.

Clearview accetta inoltre di smettere di rendere disponibile il suo database ai dipartimenti di polizia locali del governo dell’Illinois per cinque anni. La società con sede a New York continuerà a offrire i suoi servizi alle agenzie federali, come la US Immigration Customs, nonché ad altre forze dell’ordine al di fuori dell’Illinois e agli appaltatori del governo.

“Questa è un’enorme vittoria”, ha affermato Linda Xocitl Tortolero, presidente del Mujeres Latinas en Acción con sede a Chicago, che lavora con sopravvissuti di genere e ha lavorato con querelanti e altri gruppi ACLU.

Una delle preoccupazioni sollevate dal gruppo Tortolero era che le foto pubblicate su siti di social media come Facebook o Instagram և trasformate in una “traccia del volto” da Clearview potessero essere utilizzate da spie di ex partner o aziende predatorie per rintracciare la posizione di una persona. և attività sociale.

Un noto avvocato che ha difeso Clearview contro la causa ha affermato che la società era “felice di rimettere questa causa”.

“Il regolamento non richiede alcun cambiamento significativo nel modello di business dell’azienda o le vieta di intraprendere qualsiasi condotta in questo momento”, ha affermato Floyd Abrams, un avvocato noto per il suo alto livello di libertà di espressione.

Abrams ha osservato che la società non fornisce più i suoi servizi alle agenzie di polizia dell’Illinois e ha accettato una moratoria di cinque anni “per evitare lunghe e costose controversie legali con l’ACLU”.

L’Illinois Biometric Information Privacy Act consente ai consumatori di citare in giudizio le aziende che non ottengono il permesso prima di raccogliere dati, come volti e impronte digitali. L’anno scorso, Facebook ha intentato un’altra causa contro la stessa legge dell’Illinois. ha accettato di pagare 650 milioni di dollari per dirimere le accuse, ha utilizzato il tagging delle foto և altri dati biometrici senza il permesso dei suoi utenti.

“Dimostra che possiamo combattere queste aziende quando intraprendono tale azione”, ha detto Tortolero dell’accordo Clearview. “Sottolinea il fatto che ci sono molti modi in cui i social media, le società tecnologiche che raccolgono tali informazioni, possono essere dannosi per gli americani”.

Il documento transattivo afferma che Clearview continua a negare և contesta le pretese dell’ACLU և altri attori. Ma anche prima dell’accordo di lunedì, il caso ha ridotto alcune delle controverse pratiche commerciali dell’azienda.

Il co-fondatore e CEO di Clearview AI, Joan Ton-Tat, ha dichiarato all’Associated Press ad aprile che la società prevede di lanciare un nuovo prodotto aziendale “basato su accordi” per competere con Amazon e persone simili a Microsoft utilizzando il riconoscimento facciale.

La nuova impresa utilizzerà algoritmi Clearview per verificare il volto di una persona, ma non includerà il suo database di quasi 20 miliardi di immagini, che secondo Ton-That è ora riservato all’uso delle forze dell’ordine. Questa è una svolta rispetto alla precedente storia aziendale di Clearview, quando ha introdotto la tecnologia per vari usi commerciali.

Le autorità di regolamentazione dall’Australia al Canada, alla Francia e all’Italia hanno cercato di convincere Clearview a inserire i volti delle persone nel motore di riconoscimento facciale senza il loro consenso. Così sono i giganti della tecnologia come Google և Facebook. Un gruppo di legislatori statunitensi ha avvertito all’inizio di quest’anno che “la tecnologia Clearview AI potrebbe eliminare l’anonimato pubblico negli Stati Uniti”.

L’accordo di lunedì “limita in modo significativo la pratica di Clearview” non dovrebbe porre fine al controllo dell’azienda da parte del Congresso, delle legislature statali, ha affermato Nathan Fried Wessler, vicedirettore del progetto vocale, privacy e tecnologia dell’ACLU. Gran parte della tecnologia di intelligenza artificiale di Clearview, ora un punto di forza per altri usi della polizia, è che è stata in grado di “imparare” da tutti i volti che ha scansionato su Internet.

“L’approccio di questa azienda era fondamentalmente la mentalità della Silicon Valley: analizziamo le cose e poi scopriamo come ripulire il pasticcio in seguito per cercare di realizzare un profitto”, ha detto Wessler. “Hanno infranto un tabù molto forte che ha permesso alle grandi aziende tecnologiche come Google e altre di creare lo stesso prodotto che avevano le capacità tecnologiche per fare”.

——

O’Brien riferisce da Providence, Rhode Island.

——

Questa storia è stata corretta per riflettere che l’accordo è in attesa dell’approvazione di un giudice distrettuale piuttosto che di un giudice federale.

Leave a Comment

Your email address will not be published.