Circa 4 mesi per le azioni. I libri dell’S&P 500 sono il peggior inizio d’anno dal 1939. Ecco cosa dicono gli esperti che dovresti fare ora.

Dire che questo è stato un ritardo pericoloso per gli investitori in crescita a Wall Street di recente è un po’ sottovalutato.

Segnando un commercio tecnologico un tempo popolare con un’instabilità dello stomaco scioccante e perdite contuse, l’S&P 500 ha avuto il suo peggior inizio in un anno nei primi quattro mesi del 2022, in 80 anni, con il calo più netto ad aprile al 4,9%. , almeno dal 2002, contribuendo all’irrequieta vacanza dell’orso.

Non perdere. Cosa guardare “Woodstock for the Capitalists” di Warren Buffett sabato a Omaha

Ampio mercato S&P 500 SPX,
-3,63%
Ha chiuso al 13,3% venerdì, il quadrimestre più emozionante dall’inizio dell’anno solare dal 1939, quando è sceso del 17,3% (vedi tabella).

Anno:

Tasso di interesse per i primi 4 mesi

1932

-28.2:

1939

-17.3:

1941

-12.0:

1942

-11.85:

1970

-11.5:

2022

-11.5: (dalle 10:44 ET)

2020

-9.9:

1973

-9.4:

1960

-9.2:

1962

-8.8:

Fonte: dati di mercato Dow Jones

Gli altri criteri di base per le scorte non sono molto migliori. Nasdaq Composite Index COMP, dotato di tecnologie
-4,17%
si è conclusa con un calo del 21,2%, il più grande calo di questo tipo per il Nasdaq Composite dal suo inizio nel 1971.

Dow Jones Industrial Average DJIA,
-2,77%
Nel 2022 ha chiuso al 9,3% fino ad oggi, che sarà il peggior inizio d’anno per le blue chip dallo scoppio dell’epidemia di COVID negli Stati Uniti nel 2020, quando è sceso di un enorme 14,69%.

Leggere. I boomer stanno lasciando il mercato azionario. Ecco cosa succede dopo.

I mercati si stanno contraendo a causa di una serie di problemi e stati d’animo volatili, inclusa l’economia statunitense nel suo insieme, la principale misura del prodotto interno lordo, che è sceso dell’1,4% su base annua nel primo trimestre, interrotto dai colli di bottiglia della catena di approvvigionamento . L’aumento del disavanzo commerciale e la spesa dei consumatori e delle imprese sono stati i punti salienti.

In effetti, l’indice dei prezzi al consumo, o PCE, la misura preferita dalla Federal Reserve per leggere l’inflazione, è aumentato stagionalmente dell’1,1% a marzo rispetto a un mese prima, ha affermato venerdì il Dipartimento del Commercio.

Le preoccupazioni per l’invasione russa della vicina Ucraina hanno sollevato preoccupazioni per la salute dell’economia globale poiché le battaglie di lunga data con COVID-19 continuano ad affliggere parti del mondo, in particolare la Cina.

Inflazione fuori controllo և La Fed, che vuole eliminarla con tassi di interesse di riferimento più elevati, è stata anche la ricetta per forti fluttuazioni dei prezzi.

Controllo. La Fed ha alzato il tasso di interesse di mezzo punto percentuale nella prossima settimana

Tuttavia, ci sono alcuni segnali di un possibile congelamento dell’inflazione. L’inflazione complessiva è aumentata del 6,6% a marzo rispetto all’anno precedente, accelerando a febbraio, ma la mossa è stata compensata dal factoring alimentare ed energetico, che secondo il governo è aumentato del 5,2% il mese scorso rispetto all’anno precedente.

Vedere: L’inflazione statunitense sale al 6,6% sulla base dell’indice PCE, ma rimane

Va notato che le obbligazioni, che sono tradizionalmente percepite come un rifugio per gli investitori a causa del calo delle azioni, non hanno fornito molto conforto. iShares 20+ anni buoni del tesoro ETF TLT,
-1,30%
Finora nel 2022 è diminuito del 19,4%, poiché il rendimento di riferimento del Tesoro a 10 anni è TMUBMUSD10Y.
2,889%
sono saliti rapidamente a circa il 3%.

Devi sapere. “È così brutto, è buono.” Questo mercato azionario assediato ha una grande risorsa accanto, affermano gli strateghi.

In questo contesto, le prospettive sono fosche come negli ultimi quattro mesi.

Michael Antonelli, market strategist di Baird, afferma che i clienti controllano regolarmente di fronte alle turbolenze del mercato.

“Continuiamo a ricordare loro che il mondo è un posto pazzo, che non c’è quasi mai un momento in cui i redditi sono alti e i rischi sono bassi”, ha suggerito.

“Ribadiamo il fatto che mantenere le azioni nel mercato rialzista è una pratica, mentre tenerle in tempi difficili è un Super Bowl”, ha detto.

Lo stratega del mercato della National Securities Art Hogan ha affermato che momenti di mercato come l’attuale recessione mettono alla prova la determinazione degli investitori, citando l’osservazione del 17° secolo di Thomas Fuller secondo cui è più buio fino all’alba. “Suggeriamo”, ha detto Hogan, “che siamo nel posto più oscuro o vicino a esso.”

Secondo Hogan, potrebbe esserci un bagliore mentre il mercato diventa più esposto al piano della Fed. Il Federal Open Market Committee convocherà la sua riunione politica di due giorni la prossima settimana, dal 3 al 4 maggio, in un momento in cui si prevede un aumento significativo dei tassi di interesse, possibilmente aumentando il tasso di interesse di riferimento dei fondi federali, attualmente compreso tra 0, 0,50% gamma. : 0,75%, di mezzo punto percentuale o anche più.

“I mercati sono stati venduti a marzo in previsione dell’aumento di prim’ordine della Fed, con una crescita solo del 10% circa dopo l’annuncio”, ha affermato Hogan.

“Non saremo sorpresi se vedremo una reazione del genere dopo la comunicazione del 4 maggio, poiché il fatto della politica della Fed sostituirà le storie della politica della Fed, che ha terrorizzato il settore in crescita. “Vendi le notizie, compra le notizie”, ha detto lo stratega.

Per quanto riguarda le strategie, venerdì Hogan ha affermato in un post di ricerca di aver consigliato “una distribuzione diversificata dell’equilibrio basata su azioni a un’estremità sotto l’influenza della crescita e all’altra estremità a un impatto ciclico economicamente sensibile”.

Il sollevamento pesi si riferisce a un approccio di investimento in cui un investitore investe in uno spettro di rischio che va da un rischio più elevato a un rischio più basso nel tentativo di ottenere un portafoglio più equilibrato.

L’ambiente sarà migliore per le azioni il mese prossimo? Chi lo sa.

Ma l’umore sembra migliorare.

L’ultima indagine sui prezzi al consumo negli Stati Uniti è scesa a 65,2 ad aprile, ma è ancora la cifra più alta degli ultimi tre mesi, il primo miglioramento di quest’anno.

Ciò potrebbe significare più verde per l’economia a maggio. L’ultimo rapporto dell’Università del Michigan mostra che gli americani si sentivano meglio per il calo dei prezzi della benzina ed erano più ottimisti riguardo al futuro.

Leave a Comment

Your email address will not be published.