Censimento canadese. Un adulto su 300 in Canada è transgender o meno, i risultati di un censimento significativo

Quando si carica un’azione articolo ciuccio

Secondo il Canadian Census 2021 appena pubblicato, una persona su 300 di età superiore ai 15 anni in Canada si identifica come transgender o non binaria.

I risultati, che includono dati raccolti raramente nei censimenti nazionali, forniscono un riflesso della crescente definizione di identità di genere di genere che viene adottata sempre più in Canada dai giovani urbani man mano che i diritti LGBTQ, soprattutto in politica, diventano nuovi. che colpiscono le persone transgender sono diventate un campo di battaglia chiave nella politica statunitense e nelle guerre culturali.

L’Agenzia nazionale di statistica del Canada ha documentato un forte divario generazionale. I giovani hanno una probabilità da tre a sette volte maggiore di essere identificati come transgender o non transgender rispetto agli anziani.

Tra le persone nate nella generazione Z o quelle nate tra il 1997 e il 2005, lo 0,79% è stato identificato come transgender o non binario. . Per i millennial nati tra il 1981 e il 1996, la percentuale era dello 0,51%. Al contrario, solo lo 0,15% dei baby boomer nati nel 1946-1965 ha scelto transgender o non binario e lo 0,12% delle persone nate nel 1945 o prima ha scelto transgender.

Quella cifra era ancora più alta tra le persone di età compresa tra i 20 ei 24 anni, con quasi 1 su 100 che sceglieva di essere transgender o meno.

Il censimento, che ha raccolto queste informazioni per la prima volta, ha registrato 59.460 persone di età superiore ai 15 anni in Canada che sono state identificate come transgender e 41.355 come non binari. L’età media delle persone transgender era di 39,4 anni e per i non gemelli – 30,4 anni. Al contrario, 48 anni era l’età media di circa 30,5 milioni di persone in Canada 15 15 anni.

Poco più della metà dei non gemelli viveva in uno dei sei più grandi centri urbani del Canada. Hanno anche segnalato alti tassi di vita nei centri urbani. Meno della metà delle persone transgender afferma di vivere nelle sei aree urbane più grandi, proporzionalmente simili alla media canadese.

Funzionari canadesi affermano di aver deciso di aggiungere una nuova lingua al censimento in risposta agli sforzi del paese per promuovere le persone LGBTQ come una crescente attenzione globale alla diversità di genere.

“Questi cambiamenti riflettono la realtà attuale in termini di crescente accettazione del genere e della diversità di genere come transgender, non binaria, in termini di riconoscimento sociale e legale delle persone LGBTQ 2+ in generale”, ha affermato l’agenzia in una nota.

Two People, rappresentato da 2, è una parola ombrello usata in Canada per descrivere lo spettro di genere delle popolazioni indigene.

L’inclusione di questi cambiamenti “ha portato il riconoscimento ufficiale all’idea che il genere è due cose diverse”, ha affermato Nila Goshal, senior director of law, policy and research presso OutRight Action International, un’organizzazione con sede a New York che sostiene la protezione LGBTQ di diritti. “Spero che altri governi adottino una politica simile per riconoscere il numero crescente di persone che trovano il genere alquanto fluido o non sentono di rientrare nell’identificazione binaria”.

“Ci vedono”, ha aggiunto. “Il genere è qualcosa in cui gli individui possono avere voce in capitolo”.

Il censimento del 2021 ha chiesto ai partecipanti il ​​loro genere “alla nascita” և aveva una domanda separata sul genere. Gli intervistati potrebbero nominare un maschio, una femmina o un’altra persona e quindi fornire la loro scelta. Le persone che si identificano con lo stesso sesso con cui sono nate sono generalmente classificate come gay.

“Questi dati possono essere utilizzati da decisori pubblici, datori di lavoro, assistenza sanitaria, istruzione, giustizia e altri fornitori di servizi per soddisfare meglio le esigenze di tutti gli uomini, le donne, compresi gli uomini e le donne transgender, e non solo di due persone nelle loro comunità. “- Rapporti di Statistics Canada.

L’avvocato transgender Anna Murphy ha detto alla Canadian Broadcasting Corporation che il cambiamento è stato necessario per molto tempo, ma ha obiettato che le persone dovevano ancora menzionare “qualcun altro”.

“Lo chiami ancora ‘diverso'”, ha detto Murphy.

“Se sei veramente interessato,… avrai una casella con la parola ‘trans’ che una persona può controllare. Avrai una casella con su scritto “due persone” che una persona può controllare. “Perché mostra che tu o chiunque abbia creato questo uovo lo realizzi davvero, non solo invece di lasciare uno spazio vuoto.”

Ci sono ancora pochissimi dati globali sull’identità di genere per una semplice ragione. molti paesi non li raccolgono.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che circa lo 0,5% della popolazione mondiale sia transgender o si identifichi con un genere esclusivamente maschile o femminile. I sondaggi condotti in Belgio nel 2020 hanno mostrato che lo 0,3-0,5% degli adulti e l’1,2-2,7% dei bambini e degli adolescenti sono stati riconosciuti come transgender.

Altri sondaggi di crowdfunding non rappresentativi hanno raggiunto numeri simili, con le statistiche canadesi che avvertono di confronti diretti basati su diversi strumenti di misurazione.

Per la prima volta nel 2021, il censimento britannico ha consentito agli intervistati di elencare un genere diverso da maschio o femmina. I risultati non sono stati ancora pubblicati.

“Il genere con cui ti identifichi è uguale al tuo genere alla nascita?” chiedeva il censimento.

Non ci sono dati di censimento nazionale per gli Stati Uniti. L’US Census Bureau ha chiesto per la prima volta l’orientamento sessuale dell’identità di genere solo l’anno scorso in un’indagine sulle arterie domestiche che ha misurato l’impatto dell’epidemia sulle famiglie.

Secondo uno studio del Williams Institute, che si concentra su orientamento sessuale, identità di genere e politiche pubbliche, circa 1,4 milioni di adulti negli Stati Uniti sono transgender e circa 1,2 milioni non sono binari.

Nel 2011 l’India ha incluso per la prima volta una scelta nel proprio censimento nazionale. Nel 2017 è seguito il Pakistan e nel 2021 il Nepal.

Le comunità di molti paesi dell’Asia meridionale hanno abbracciato a lungo il concetto del terzo sesso. Alcuni paesi che consentono i diritti dei transgender, tuttavia, hanno regole molto restrittive o repressive per le persone che non si riconoscono come maschi o femmine.

Leave a Comment

Your email address will not be published.