Buone notizie և cattive notizie di mercato

Le cose non stanno andando bene quando si tratta di mercati finanziari in questo momento.

L’S&P 500 è sceso di quasi il 4% venerdì e ora è in calo di quasi il 14% dal suo livello più alto. Altre parti del mercato azionario stanno calando ancora di più.

Anche il mercato obbligazionario è al momento a due cifre, il che significa che gli investitori diversificati nel tradizionale portafoglio azionario/obbligazionario stanno soffrendo.

Penso che queste siano tutte cattive notizie, ma quello che sto guardando è che quelle perdite sono costi sommersi.

Il passato è il passato, l’unico modo per andare avanti.

Diamo un’occhiata alle buone e alle cattive notizie su ciò che sta accadendo nei mercati in questo momento.

Cattive notizie. Il mercato azionario è in calo e l’inflazione è alta. Storicamente, il mercato azionario non ha funzionato bene quando l’inflazione aumenta և / o al di sopra del 3%.

Entrambi sono veri in questo momento.

È vero che le valutazioni di mercato tendono ad essere più basse quando l’inflazione è più alta, e viceversa.

Le stime stanno arrivando, ma sono ancora molto superiori alla media storica.

Non sto dicendo che l’inflazione sia l’unico motivo per cui le azioni stanno lottando in questo momento, ma sicuramente fornisce il vento opposto.

Buone notizie. È improbabile che l’inflazione rimanga alta nel lungo periodo.

Vedete, è difficile prevedere l’inflazione.

Ma non è che possa rimanere indefinitamente all’8% o più fino a quando qualcosa non si rompe.

L’epidemia (si spera?) sta volgendo al termine. La Fed sta rallentando le cose alzando i tassi di interesse. Lo stimolo fiscale è fuori discussione, così come altri prestiti PPP, assegni governativi e sussidi di disoccupazione estesi. I problemi della catena di approvvigionamento possono essere risolti quando la domanda rallenta.

Guarda i tassi di risparmio personale negli Stati Uniti.

C’è stato un enorme aumento poiché le persone hanno ridotto le loro spese e risparmiato sui pagamenti del governo. Ora veniamo alla parte in cui parliamo della via di mezzo.

I costi al consumo dovrebbero avere una traiettoria simile, poiché non ci sono più risparmi, stanno diventando più costosi.

Aggiungiamo che la crescita della popolazione in questo Paese sta rallentando, la tecnologia sta riducendo i costi, զ la globalizzazione generalmente rende le cose più economiche, և dobbiamo finalmente vedere che l’inflazione diminuirà.

Ciò non significa che dovrebbe tornare immediatamente al 2%, ma anche il trend di svalutazione dovrebbe essere positivo per il titolo ad un certo punto.

Non è bene o male che può essere positivo per i mercati, ma meglio o peggio.

Cattive notizie. I legami sono in una spiacevole correzione.

Se hai un indice di indice obbligazionario totale, stai attualmente registrando un calo di oltre l’11% dal 2020 (և questo include il reddito da tali obbligazioni).

Se hai titoli di stato a lungo termine, avrai un calo di quasi il 30%.

Se hai iniziato a investire dopo la presidenza di Ronald Reagan, l’hai fatto mai ha avuto perdite simili sulle obbligazioni.

Buone notizie. I rendimenti obbligazionari attesi sono molto più elevati rispetto al recente passato.

Il motivo del calo delle obbligazioni è che i tassi di interesse sono in aumento. Sebbene ciò sia sfortunato nel breve periodo, significa rendimenti più elevati per gli investitori a reddito fisso nel lungo periodo.

Il rendimento iniziale dei titoli di stato statunitensi per 5 anni è 0,9.

Vai 10 anni nel futuro, il rapporto և è 0,95. Questo ci dice che il rendimento iniziale è una previsione efficace per il rendimento futuro di obbligazioni di alta qualità.

L’iShares Aggregate Bond ETF (AGG) ha attualmente una scadenza media del 3,4%. Questo non è molto alto rispetto alla resa storica, ma è molto più alto che dopo l’epidemia.

Questi rendimenti non possono compensare le perdite subite dagli investitori, ma è l’acqua sotto i ponti.

Gli investitori obbligazionari possono finalmente trovare un certo rendimento sui titoli. Questa è una buona cosa.

Cattive notizie. Il Nasdaq ha appena vissuto il suo mese peggiore dal 2008.

È stata la dodicesima peggiore perdita mensile del Nasdaq dal suo inizio all’inizio degli anni ’70. Il Nasdaq è ora in calo di oltre il 23% dal suo massimo storico.

Buone notizie. Il ritorno dell’attaccante dopo i mesi peggiori del Nasdaq è stato abbastanza buono in passato.

C’era un po’ di fetore qui, specialmente i punti di ingresso del 2000.

Ma in media, l’acquisto del Nasdaq dopo una forte flessione è stata una buona cosa per gli investitori in passato.

Cattive notizie. A volte le attività rischiose diminuiscono.

Buone notizie. Non guadagni indietro i tuoi soldi senza correre rischi.

Cattive notizie. Sarebbe divertente investire se il tuo portafoglio è solo in crescita.

Buone notizie. Gli investitori che sono abbastanza pazienti da superare alcune perdite sono generalmente premiati nel lungo periodo.

Cattive notizie. La situazione sui mercati è ora piuttosto cupa. L’inflazione è alta. Sembra che la Fed potrebbe lasciarci. Azioni e obbligazioni sono entrambe forti lotte.

Buone notizie. Investire quando le cose sembrano andare per il verso giusto è generalmente gratificante se hai un orizzonte a lungo termine.

Cattive notizie. Non so quando tutto andrà bene per gli investitori.

Buone notizie. Ad un certo punto le cose miglioreranno.

Lettura aggiuntiva.
Cosa succede quando acquisti azioni in un mercato ribassista?


Leave a Comment

Your email address will not be published.